Monferrato

 
E’ praticamente impossibile tracciare un itinerario del Monferrato. ... dove i boschi s’alternano alle zone vitate, a quelle coltivate ed ai prati, più che esplorarlo con la cartina geografica in mano va scoperto lasciandosi guidare dalla curiosità e dalla voglia di vedere.
— Luca Sartori - Repubblica

Relax / Sport / Cucina / Vino / Shopping / Storia 


 

Alessandria e la sua Cittadella, fortezza del 1700 a forma di stella

Alessandria, città di pianura, dista soli venti minuti dalla nostra struttura e nasconde angoli molto belli e suggestivi. Situata in posizione strategica tra Torino, Milano e Genova, è caratterizzata dalla presenza dei due fiumi Tanaro e Bormida. Vale la pena visitare la città a piedi, per apprezzare il suo susseguirsi di piazze porticate e palazzi di stili molteplici, che talvolta nascondono cortili meravigliosi. 

Prima di entrare in centro città, vi consigliamo di visitare la Cittadella di Alessandria, fortezza del 1700 a forma di stella circondata da profondi fossati. Oggi è stata trasformata in un parco pubblico dove bambini e adulti possono giocare e rilassarsi. Grazie alle guide FAI presenti sul posto, è possibile accedere agli interni e riscoprire il fascino di questa grandiosa architettura militare.

Alessandria è rinomata in quanto città natale del famoso marchio Borsalino, il cappello per eccellenza, al quale è stato dedicato il Museo del Cappello, percorso museale molto interessante e ricco di storia.

Da non perdere il Museo della Bicicletta a Palazzo Monferrato e subito accanto la Galleria Guerci, piccolo gioiello liberty della città.

Per gli amanti della musica, nel periodo estivo il Conservatorio A. Vivaldi ospita numerosi concerti aperti al pubblico.

Non possiamo non parlare delle numerose pasticcerie storiche della città, tutte di prima qualità e con specialità uniche: i Baci di Gallina, le Delizie di Mezzaro, i salatini di Signorelli, i Cannoli di Zoccola, la Polentina di Marengo della Pasticceria Bonadeo.

 

La Cittadella di Alessandria, un forte del 1700. 

La Cittadella di Alessandria, un forte del 1700. 

La Galleria Guerci - 1895

La Galleria Guerci - 1895


 
Vista Panoramica sulle colline del Monferrato

Vista Panoramica sulle colline del Monferrato

Moleto e la veduta dal Bar Chiuso

Moleto e la veduta dal Bar Chiuso

Relax  in collina con musica e aperitivo
Olivola - Moleto 

Il nome di questo piccolissimo e delizioso paese è dovuto al suo passato caratterizzato dalla coltivazione di ulivi.

Situato in posizione panoramica su un colle che domina la valle del Torrente Rotaldo, è una tappa perfetta per ciclisti e motoclisti.

Da visitare la piccola Chiesa di San Pietro Apostolo-Auditorium, realizzata in muratura frammista di mattoni pieni e conci di calcare locale (i ”cantoni”).

La Pietra da Cantoni rappresenta l’elemento architettonico caratterizzante del Monferrato, la cui presenza si legge nel tessuto urbano e paesaggistico attraverso le case color bianco/sabbia di questo villaggio.

Bellezza che si replica anche nella vicina Moleto. Il minuscolo paesino è conosciuto soprattutto per il "Bar Chiuso", rigorosamente all'aperto, che funziona solamente nel periodo estivo con spettacoli di musica accompagnati da taglieri, panini e piatti leggeri.


Shopping enogastronomico - Moncalvo

La  “più piccola Città d'Italia” è costituita da un borgo medievale con strette viuzze, scalinate, rampe scoscese, imponenti palazzi e botteghe artigianali. 

Si trova solamente a 18 minuti dalla nostra Cascina Cerola ed è un paese delizioso che offre un'ottima scelta per chi desidera acquistare le prelibatezze del territorio monferrino.

E' famosa sia per il tartufo pregiato, con la festa ad esso dedicata nel mese di ottobre, sia per l'arte religiosa, in particolare le opere di Guglielmo Caccia presenti un pò in tutte le architetture religiose della città.

Dell'antico Castello di Moncalvo sono ancora esistenti i bastioni e la torre dai quali si gode di una splendida vista sulle colline del Monferrato. Percorrendo i camminamenti sotterranei restaurati è possibile raggiungere la Bottega del Vino, ospitata in un torrione del castello, e degustare degli ottimi panini gourmet per una sosta veloce e gustosa. 

Moncalvo e le sue drogherie 

Moncalvo e le sue drogherie 

Piazza Centrale di Moncalvo

Piazza Centrale di Moncalvo


Vista Treville Monferrato

Vista Treville Monferrato

Infernot - Patrimonio Unesco dal 2014

Infernot - Patrimonio Unesco dal 2014

Storia e Bellezze a Treville Monferrato e Ozzano Monferrato 

Treville Monferrato è un paese risalente all'anno 1200. Il centro storico presenta una struttura apicale ad anello attorno al vertice, caratterizzato dall’imponente complesso ecclesiale.  Il paese per la sua posizione evidenzia vari punti panoramici tra i quali un importante punto di veduta dal sagrato di Sant’Ambrogio.

Il Monferrato è l'unico territorio a possedere gli Infernot, strutture scavate a mano nel tufo. Sono vere opere d'arte riconosciute dal 2014 come Patrimonio Unesco.
Nel paese di Cellamonte si può visitare  L’Ecomuseo della Pietra da Cantoni  con il suo Infernot , aperto tutte le domeniche dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17.

Per Visite guidate
ORARI 2018 DELL' UFFICIO DEL TURISMO DI OZZANO MONFERRATO - Tel. 0142/487153 - Dal 01/04/2018 al 31/10/2018 : Domenica ore 9,00 - 12,30 e 15,00 - 18,30


Vino dolce e il Palio - Asti,  la Terra dello Spumante

Il Moscato d'Asti DOCG è un vino che si presenta di colore giallo paglierino brillante; al naso sprigiona un profumo caratteristico intenso, dall'inconfondibile aroma muschiato, a cui si aggiungono note fruttate e floreali di frutta gialla, fiori bianchi, salvia..assolutamente imperdibile!

Proprio attorno a questo vino ruotano diverse borgate, la più importante è Nizza Monferrato, che si incontra seguendo la SS456 e da Altavilla Monferrato dista solamente 45 minuti, itinerario magico del Monferrato per conoscere cantine disseminate tra le colline e i borghi. 

Asti è conosciuta in tutto il mondo per il centro storico dalla struttura medievale e per i suoi vini, in particolare l'Asti spumante: ogni anno, a settembre, vi si tiene uno dei concorsi enologici più importanti d'Italia, denominato "Douja d'Or".

Un altro evento imperdibile è il Palio di Asti. Le sue origini sono lontanissime. La prima notizia certa della corsa risale al 1275. Nel 1967, il Palio rinacque nuovamente in occasione del millesimo Anniversario della Fondazione del Marchesato del Monferrato e dell’ottocentesimo Anniversario della Lega Lombarda. La corsa fu definitivamente spostata al mese di settembre, in concomitanza con i festeggiamenti della Douja d’Or ed in seguito del Festival delle sagre astigiane

Cantine da visitare - Patrimonio Unesco

Cantine da visitare - Patrimonio Unesco

foto credito - langhe.net

foto credito - langhe.net


 
Serravalle Designer Outlet 

Serravalle Designer Outlet 

Serravalle Designer Outlet 

Serravalle Designer Outlet 

Shopping a Serravalle Scrivia Designer Outlet

Il Serravalle Designer Outlet è un grande centro commerciale, situato a Serravalle Scrivia, provincia di Alessandria. Dista dalla Cascina solo 60 km e offre ai visitatori più di 250 negozi di marchi di lusso. Con i suoi 51.500 metri quadrati è l’outlet più grande d’Europa.


 
DSC01188.JPG
Per le vie di Casale Monferrato

Per le vie di Casale Monferrato

Casale Monferrato - La capitale del Monferrato 

Parcheggiando in Piazza Castello, sulla quale s’affacciano il Castello dei Paleologi e la chiesa di Santa Caterina, si può partire a piedi alla scoperta della città. 
Il castello fu costruito nel 1352 da Giovanni II Paleologi, è anche chiamato Castello dei Gonzaga, di cui fu dimora fino alla seconda metà del Cinquecento, divenendo poi fortezza. In parte visitabile, il castello è un importante polo culturale della città. Circondato da un fossato, è a pianta esagonale asimmetrica con torrioni angolari. 
Si incontrano numerose botteghe storiche, come il negozio dei Krumiri, tipici biscotti della città di Casale. Proprio il profumo dei krumiri in produzione che riempie le vie del centro, è uno dei tratti caratteristici della città.


A190D309-E0C5-4476-A5CF-687EF919003A.JPG

Acqui Terme

La storia millenaria della città inizia in epoca preromana, passando per importante centro Termale Romano, giungendo all’epoca medioevale.

La “Bollente” , il simbolo della città, si presenta come una specie di basso tempio, a forma ottagonale, con al centro una sorgente di acqua salso - bromo - iodica che sgorga in modo naturale alla temperatura di ben 74°C con la notevole portata di 560 litri al minuto.

L‘acqua della fonte è utilizzata soprattutto insieme ai fanghi negli stabilimenti di cura termali per le sue proprietà curative di malattie quali reumatismi ed artrosi e in tutte quelle legate al sistema respiratorio.